Crea sito

Alà, la giunta cancella la Tasi - Alà dei Sardi - Blog - Alà dei Sardi

Alà dei Sardi
Un Paese da vivere e scoprire
Title
Vai ai contenuti

Alà, la giunta cancella la Tasi

Alà dei Sardi
Pubblicato da in Cronaca ·
Tags: tasicomunebilancio
L’ultima seduta del consiglio comunale di Alà dei Sardi è stata dedicata interamente all’approvazione del bilancio di previsione per il 2015 e ai tributi comunali. Il più importante documento economico finanziario del Comune è stato approvato coi voti della maggioranza e con l’astensione dell’unico rappresentante della minoranza presente in aula, il capogruppo. Il bilancio pareggia in 6 milioni 607mila euro. «Tra le entrate occorre segnalare la previsione dell’importo di 570 mila euro – commenta il sindaco Mario Carta (foto) - quali provento derivante dall’impianto eolico comunale, mentre tra le uscite di particolare rilievo sono gli stanziamenti relativi alla realizzazione di importanti opere pubbliche. Nello specifico, durante il 2015 si provvederà alla bitumazione delle strade interne (270 mila); all’esecuzione dei lavori di completamento del cimitero (250 mila); ai lavori di sistemazione della viabilità rurale (100 mila); agli interventi di gestione del patrimonio boschivo finalizzati alla prevenzione degli incendi per (200); alla sistemazione ed adeguamento campo sportivo comunale (250); al ripristino funzionale caseggiato scolastico (400mila); al recupero e riqualificazione urbana centro storico (115); agli interventi canalizzazione acque bianche (300)».
«Per quanto riguarda i tributi - continua il sindaco - si è stabilita la completa esenzione dell’Imu per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale (prima casa) e relative pertinenze, per quelle possedute da anziani e disabili e per quelle concesse in comodato dal soggetto passivo dell’imposta a parenti in linea retta entro il terzo grado; l’azzeramento per il 2015 della Tasi (collegata all’erogazione e fruizione dei servizi comunali); e, dopo un lungo dibattito, si è deciso di dare mandato alla giunta di verificare
la possibilità di abolire l’aumento del 50 per cento della Tares per il 2014, così da mettere i concittadini nelle condizioni di pagare per il 2015 la tariffa in vigore nel 2013 per la tassa rifiuti. L’ultima decisione spetterà al consiglio che dovrà riunirsi entro la fine del mese». (s.d.) 



Copyright 2006-2018 www.aladeisardi.org All Right Reserved




Torna ai contenuti