Crea sito

Alà dei Sardi - E' un Alasport da Brivido - Alà dei Sardi

Alà dei Sardi
Un paese da vivere e scoprire
Chirca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Alà dei Sardi - E' un Alasport da Brivido

Notizie > 2012

Nel cross internazionale di Alà dei Sardi in ombra i due campioni iridati
È un Alasport da brivido
I keniani Kipkoech e Cherono vincono in volata


L'emozione di una volata a due sulla malandata pista dello stadio di Alà è grande quanto la tradizione del Trofeo Alasport, che ieri ha vissuto un'altra memorabile edizione. Le stelle della 36ª replica del capolavoro di Antonello Baltolu (regista, se non proprio sceneggiatore di ogni puntata) stavolta non partivano favoriti e hanno ceduto il campo agli specialisti.
STELLE CADENTI È vero che Asbel Kiprop e Maryam Jamal sono i campioni del mondo, ma dei 1.500. Gente da pista, con i Giochi di Londra in testa. Sono venuti a vedere il fenomeno Alasport e hanno retto sinché hanno potuto. Fino a quando, cioè, la salitella della sughereta non ha cominciato a incidere sulle gambe e gli avversari non hanno cambiato passo.
IL RAMMARICO La gara maschile è partita zoppa. Un problema di visti l'ha privata della variabile impazzita, l'asso nella manica giocato da Baltolu per anticipare tutti (in passato il gioco gli era riuscito con Kenenisa Bekele), ovvero il giovane etiope Muktar Awel. Così il campo è stato tutto per i keniani. Kiprop, assecondato da Birech, ha provato ha stare nel gruppo dei migliori per quattro giri. Poi la sua natura di mezzofondista veloce si è ribellata sulla salita e solo il suo pedigree di campione assoluto lo ha portato al traguardo con composta eleganza, al quinto posto.
LA BATTAGLIA Davanti anche Birech si è poi arreso e al sesto giro sono rimasti in tre. A due chilometri dalla fine, Longosiwa, fresco vincitore della “Cinque Mulini” (gara che al cospetto dell'Alasport continua a sembrare una nobile deceduta e nulla più), ha accusato problemi allo stomaco e ha a Tanui e Kipkoech la chance di giocarsi la vittoria in volata. E così è stato: un duello equilibrato. Tanui, vicecampione mondiale in carica e 3° lo scorso anno ad Alà, si è arreso al viceiridato junior dei 5.000, che trionfa dopo i 4° posto del 2009.
IL BIS DI PRISCAH Una fuga lanciata a un chilometro e mezzo dal traguardo, ha invece regalato a Priscah Jepleting Cherono il bis della comoda vittoria nella Cinque Mulini di sette giorni prima. Sule Utura Gedo che sperava nel tris ad Alà, ha invece dovuto ingoiare il secondo piazzamento (nel 2009 la battè Florence Kiplagat) per pochissimi metri, dopo una caccia entusiasmante. Tra le africane, quinta e sesta, due italiane: la pronosticabilissima Valentina Belotti e, 7" più tardi, splendida sesta, quella Claudia Pinna della quale l'atletica finge sempre di non accorgersi. Le colleghe con le canottiere dei gruppi militari, a lei vietate, le sono arrivate dietro. Ancora una volta.

Alà dei Sardi, 26/03/2012 - Carlo Alberto Melis (Fonte: Unione Sarda)


 
Copyright © 2006 - 2017  www.aladeisardi.org  All Rights Reserved
Powered by Alberto Contu
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu