Crea sito

Alà dei Sardi - Imane Merga trionfa al Cross di Alà - Alà dei Sardi

Alà dei Sardi
Un paese da vivere e scoprire
Chirca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Alà dei Sardi - Imane Merga trionfa al Cross di Alà

Notizie > 2011
NOTIZIE: Sport, Atletica - 28/03/2011

Imane Merga trionfa al cross di Alà


ALÀ DEI SARDI. Un sole meraviglioso ha baciato ieri un’altra memorabile edizione del Cross di Alà. Nella magica atmosfera di un ambiente unico, esaltato dai colori di una primavera che ha voluto anticipare l’arrivo, è andata in scena una gara sportiva di straordinario valore tecnico e spettacolare come è nella tradizione di questa manifestazione. Che nel suo albo d’oro aggiunge un altro grande nome.
Protagonisti, come sempre e come in tutto il mondo, le gazzelle nere dell’Africa che hanno saputo interpretare alla grande il cross alaese. Ha vinto, come da pronostico e non poteva essere altrimenti, il campione del mondo Jida Imane Merga, incredibile corridore etiope che solo otto giorni prima in Spagna aveva appunto conquistato il titolo iridato. La gara di Alà doveva rappresentare una sorta di rivincita del Mondiale visto che era presente anche il keniota Paul Limo, battuto al cross iridato da Merga. E Limo, con l’aiuto degli altri mezzofondisti del Kenia, ci ha provato a rendere dura la gara per evitare di dare a Merga l’opportunità di andare a vincere grazie alla sua esplosiva volata. Tutto inutile. La gara, corsa a ritmi piuttosto alti sulla spinta dei kenioti, è stata controllata con apparente facilità da Merga che ha saputo sempre rispondere ai tentativi portati a turno da Limo e, soprattutto, dal giovanissimo (18 anni, lo scorso anno campione del mondo juniores) Caleb Ndiku, astro emergente emergente del mezzofondo mondiale. Giro dopo giro, con tirate che hanno portato a correre sui 1.100 metri del circuito con tempi anche intorno ai 3’08, 3’09 al giro, Jida Imane Merga ha risposto colpo su colpo e dopo aver reistito a un tentativo di Limo al settimo chilometro e all’ultimo coraggioso allungo di Ndiku all’ultimo giro, ha piazzato il suo micidiale sprint, così come aveva fatto otto giorni prima in Spagna, andando a vincere davanti al soprendente Ndiku e a Paul Limo ancora una volta castigato dalla velocità dell’etiope. Una grande vittoria in una grande corsa che ha avuto lo stesso sviluppo, e lo stesso esito, del cross mondiale.
Alle spalle dei grandi protagonisti, il sesto posto nell’ordine di arrivo premia la bella gara disputata dall’azzurro Daniele Meucci, l’unico atleta bianco che ha tentato a reggere i ritmi degli africani. Meucci, assai applaudito dal pubblico di Alà, per quasi metà gara è rimasto attaccato al treno dei primi, poi ha inevitabilmente ceduto ma ha concluso con una prova decisamente positiva.
Senza storia, come previsto, la gara femminile che pure ha offerto emozioni. Questa volta il duello Kenia-Etiopia ha premiato lo spunto più veloce nella volata finale della keniota Silvia Kibet che ha battuto l’etiope Sulle Utura Gedo che aveva attaccato ai trecento metri per poi cedere ai 150 quando la Kibet ha piazzato l’allungo decisivo. Una bella gara anche questa, combattuta da tre atlete di grande livello (la terza all’arrivo, la keniana Cherono, ha ceduto solo nella fase finale) che non si sono risparmiate. Ad aprire questa grande mattinata di sport, erano state le categorie giovanili, per la verità non troppo partecipate a conferma del malessere che sta attraversando l’atletica sarda, che hanno soprattutto messo in mostra la validità degli atleti e delle atlete locali. Ed è sicuramente la cosa che ha inorgoglito di più Antonello Baltolu, che ai giovani alaesi ha dedicato la sua vita di tecnico.

Daniele Doro - (Fonte: La Nuova Sardegna del 28/03/2011)

TUTTI I RISULTATI - LE FOTO

 
Copyright © 2006 - 2017  www.aladeisardi.org  All Rights Reserved
Powered by Alberto Contu
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu