Crea sito

Alà dei Sardi - Trofeo Alasport - Notizie - Alà dei Sardi

Alà dei Sardi
Un paese da vivere e scoprire
Chirca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Alà dei Sardi - Trofeo Alasport - Notizie

Tradizioni > Feste ed Eventi > Trofeo Alasport


36° TROFEO ALASPORT
24° TROFEO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE DI CROSS
MASCHILE E FEMMINILE

ALA' DEI SARDI - 25 MARZO 2012
CAMPO SPORTIVO "COMUNALE SAS SEDDAS"
ORE 9.30


SITO UFFICIALE MANIFESTAZIONE: WWW.ALASPORT.IT


Le gazzelle del Kenia


Ancora Africa, ancora Kenia. Nel Cross di Alà i mezzofondisti degli altopiani, come sempre, sono stati i grandi protagonisti sia in campo maschile che femminile. Le gazzelle nere hanno confermato di essere meravigliose macchine da corsa dalle prestazioni eccellenti.
Jhon Kipkoech, 22 anni, vice campione del mondo juniores di cross, quarto l’anno scorso ad Alà, e con un personale sui 5000 di 13’26”03, ieri ha vinto al termine di una gara disputata all’insegna del ritmo e dell’aggressività. L’assenza dell’ultima ora (problemi di visto lo hanno bloccato in Sud Africa) dell’etiope Muktar, emergente mezzofondista etiope campione juniores africano atteso outsider della gara, aveva decisamente accreditato dei favori del pronostico il vice campione iridato di cross in carica, Paul Tanui. Anche se la presenza del fuoriclasse Asbel Kiprop, olimpionico e mondiale dei 1500 metri, ma sicuramente non uno specialista, poteva lasciare aperta la porta alla sorpresa. La gara è stata piuttosto dura non solo per le difficoltà del percorso ma anche per i ritmi imposti dai keniani sin dal primo giro. Il campione dei 1500 ha cercato di resistere ma dopo due soli giri ha ceduto dando via libera al quartetto Tanui, Longosiwa, Birech e Kipkoec. Il quartetto è andato avanti compatto sino all’ultimo giro, quando Kipkoech ha piazzava un allungo micidiale e sorpreso Paul Tanui. La volata tra i due keniani è stata comunque entusiasmante, con Tanui in rimonta disperata e Kipkoech bravissimo a resistere al ritorno del più forte connazionale. Terzo posto per il combattivo Longosiwa, quarto Birech e quinto, dopo una volatona impressionante, Kiprop. Apprezzabile la prova e il piazzamento (ottavo e nono) degli azzurri La Rosa e Meucci.
Sorpresa anche in campo femminile. La presenza della fuoriclasse keniana, con passaporto del Bahrain, Maryam Jamal, autorizzava un pronostico quasi scontato. Invece ha vinto, e con merito, Priscah Cherono, in gran forma dopo aver dominato otto giorni prima la Cinque Mulini. La Cherono, la connazionale Korikwian e l’etiope Gedo hanno imprewsso ritmi importanti alla gara, ritmi che la Jamal non è stata in grado di tenere. Anche lei, come in campo maschile Kiprop, specialista dei 1500 metri si è dimostrata a disagio sulla lunga distanza. La vittoria se la sono giocata Cherono e Gedo, con la keniana più brillante nell’allungo finale. La Jamal si è piazzata solo quinta ma comunque è stato un piacere vederla correre.
Jhon Kipkoech e Priscah Cerono iscrivono così il loro nome nel prestigioso albo d’oro del Cross di Alà. Un albo d’oro di soli campioni per una manifestazione che ha pochi eguali in campo internazionale. Anche questa 36esima edizione che ha saputo tenere alto il livello tecnico e spettacolare. Ancora una volta il miracolo di Alà si è ripetuto. Nonostante le difficoltà Antonello Baltolu è stato in grado di organizzare un evento di straordinaria bellezza.

Alà dei Sardi, 26/03/2012 (Fonte: La Nuova Sardegna, Daniele Doro >>>)

Claudia Pinna e Andrea Pranno in testa alla pattuglia dei sardi (Fonte: La Nuova Sardegna)
Grande giornata dei figli d arte, da Antonella Bua a Sandro Cocco
(Fonte: La Nuova Sardegna)

Tanui e Awel sfidano Kiprop


Sulla carta il pronostico sembra scontato. Non ci saranno avversari in grado di contrastare, come accade da decenni, i fenomenali corridori africani. Proprio come accade in tutte le gare di mezzofondo.
Meno scontato, invece, individuare alla vigilia un favorito assoluto per la 36esima edizione del Cross di Alà. Certamente, la lista di partenza allestita da Antonello Baltolu è in grado di garantire un grande spettacolo atletico con prestazioni di assoluto valore tecnico.
Non c’è dubbio che sulla carta la palma del favorito va riconosciuta al keniano Paul Tanui, terzo lo scorso anno ad Alà ma soprattutto vice campione del mondo di cross in carica. A contrastare Tanui, l’altro keniano Asbel Kiprop, campione olimpinico e iridato dai 1500 metri. Uno straordinario mezzofondista veloce in grado di far valere una grandissima classe anche in una gara di cross. Ma occhio a un outsider che potrebbe davvero stupire. Ci sarà, infatti, un giovanissimo etiope, Muktar Idris Awel, juniores fresco campione d’Africa di corsa campestre, accreditato di una prospettiva di grandissimo campione. Tra Tanui, Kiprop e Awel sarà battaglia e se qualche volta era scontato individurare un sicuro vincitore, questa volta non sarà così. Ma forse è meglio, chi andrà a seguire la gara si divertirà ancora di più.
Anche la gara femminile vivrà del duello tutto africano tra Maryam Jamal, già campionessa mondiale dei 1500 e quinta a Pechino su questa distanza, keniana ma oggi di passaporto del Bahrain, Utura Sule Gedo, etiope prima lo scorso anno, e Priscah Cherono, keniana già quarta ai mondiali sui 10.000 e fresca vincitrice della 5 Mulini.
Anche questa sembra una gara aperta, piuttosto incerta ma sicuramente di altissimo livello. La partecipazione italiana offre forse il massimo dei valori che oggi è in grado di esprimere il mezzofondo azzurro, che non ha più i campioni del passato. Attesa la prova di Daniele Meucci, sesto nella scorsa edizione, annunciato in buona forma.
E poi il campione italiano di cross Gabriele De Nard e apprezzati specialisti come Stefano La Rosa, Stefano Scaini e Michele Fontana. Federica Dal Ri e Valentina Belotti cercheranno di non sfigurare nella gara femminile. Entrambe hanno i mezzi e possono ottenere un buon piazzamento.

Alà dei Sardi, 24/03/2012 (Fonte: La Nuova Sardegna, Daniele Doro >>>)

Etiopi e keniani le stelle di un’edizione super del Cross di Alà dei Sardi
In gara campioni olimpici, mondiali e gli assi di domani


La stagione della corsa campestre internazionale si chiude domenica ad Alà dei Sardi con l’edizione numero 36 del Cross. Una manifestazione di assoluta eccellenza, certificata da un albo d’oro che pochi altri in Europa, e forse al mondo, possono esibire.
Anche domenica, come da tradizione, gli appassionati potranno assistere a una edizione di altissimo livello, non solo per la spettacolarità del percorso e della «scenografia» naturale garantita dalla località del Goceano, ma anche per gli assoluti contenuti tecnici che le due gare clou, maschile e femminile, saranno in grado di offrire.
Il patron Antonello Baltolu, sempre alla ricerca del meglio, ha completato la lista dei partenti della gara maschile con l’ingaggio di Muktar Idris Awel, un giovanissimo (classe 1994), astro nascente del mezzofondo etiope, fresco campione africano juniores di cross. Un talento che domenica avrà un ruolo di outsider, proprio come nel 2003 il connazionale Kenenisa Bekele che da Alà aveva spiccato il volo verso l’Olimpo del mezzofondo mondiale.
Muktar Awel cercherà di attaccare la pattuglia degli specialisti del Kenia che ha nel campione del mondo in carica dei 1500 metri, Asbel Kiprop, nel vice campione iridato dei 10.000 metri Paul Tanui e in Thomas Langosiwa, sesto al mondiale dei 10 mila e vincitore domenica scorsa della Cinque Mulini, i super favoriti. C’è il presupposto per una gara di altissimo livello, proprio in linea con la tradizione del Cross di Alà.
Stella della gara femminile sarà un’altra atleta etiope, ma di passaporto del Barhein. Maryam Yusuf Jamal, già campionessa del mondo dei 1500 e quinta nella stessa gara all’Olimpiade di Pechino. La Jamal dovrà vedersela soprattutto con la keniana Priscah Jepetling Cherono, reduce dal successo nella Cinque Mulini e quarta nei 10.000 iridati. Di rilievo anche la presenza dell’etiope Utura Sule Gedi, già vincitrice ad Alà nel 2010 e seconda lo scorso anno.
Nel prevedibile e per molti versi scontato dominio africano, cercheranno di fare bella figura anche i mezzofondisti italiani. E non sarà una partecipazione al ribasso perchè Daniele Meucci, bronzo all’europeo di cross, già sesto lo scorso anno, può puntare a un piazzamento di buon livello. Con lui ci saranno tra gli altri il campione d’Italia Gabriele De Nard, Stefano La Rosa e lo junior Michele Fontana.

Alà dei Sardi, 23/03/2012  (Fonte: La Nuova Sardegna, Daniele Doro >>>)

Cross di Alà, via al count down
Tra i super big anche il campione del mondo Asbel Kiprop


Se non sarò messo nelle condizioni di poter allestire una edizione all’altezza del prestigio di questa manifestazione, non organizzerò il Cross di Alà. Antonello Baltolu era stato chiarissimo: senza contributi adeguati la più bella e importante corsa campestre che si corre in Italia non avrebbe avuto un futuro. L’appello del professor Baltolu era stato ignorato dalla Regione.
Viceversa accolto, con grande sensibilità dalla Provincia di Olbia-Tempio, oltre ovviamente dall’amministrazione comunale di Alà dei Sardi e dalla Comunità Montana del Monte Acuto e anche da una serie di piccoli sponsor del territorio e ha avuto anche un importante sostegno da parte della Meridiana Fly. Con queste premesse, ieri mattina nella sala conferenze dalla Provincia, l’edizione numero 36 del Cross di Alà ha avuto il battesimo istituzionale. Domenica 26 marzo, sul magnifico percorso tra le sugherete del Monte Acuto lo spettacolo andrà ancora una volta in scena. Ieri, a sottolinerare l’importanza di questa grande manifestazione sportiva, c’erano il vice presidente della Provincia Olbia-Tempio Salvatore Marrone, il sindaco di Alà Maeio Carta, il presidente della Comunità Montana Antonio Satta e poi Sergio Lai e Enrico Pinna, presidenti regionale e provinciale della Federatletica, Gian Nicola Montalbano, presidente provinciale del Coni. Nei loro interventi, tutti hanno sostenuto l’importanza di una manifestazione di grandissima levatura sportiva che ha saputo dare, negli anni, una incredibile visibilità non solo ad Alà dei Sardi ma a tutta la Sardegna. Ed è per questo motivo che questo evento sportivo merita di essere sostenuto. Come sempre apprezzato l’intervento di Vanni Loriga, grande giornalista sportivo e storico di questo evento. Antonello Baltolu, nel suo intervento ha sottolineato le problematiche organizzative ma anche l’importanza sociale per la comunità alaese di una manifestazione unica. Ed è per questo motivo che il Cross di Alà potrà continuare a vivere solo se sarà sempre di altissimo livello. Proprio come questa edizione che andrà in scena il 26 marzo. Si, perchè è stata costruito un cartellone di interpreti che sicuramente daranno spettacolo. In campo maschile svetta un super big del mezzofondo come il keniota Asbel Kiprop, campione olimpico e mondiale dei 1500 metri. E poi Paul Tanui, vice campione del mondo di cross, terzo ad Alà lo scorso anno, nono ai mondiali sui 10.000. Anche tra le donne spicca una grande del mezzofondo come Maryam Jamal (Bahrain) già modiale dei 1500 nel 2009 e quinta nella stessa gara a Pechino. E ancora Sule Utura Jedo, etiope, che ha vinto ad Alà nel 2010 e che ha nel palmares il titolo mondiale dei 5000 juniores. Nelle due liste di partenza ci saranno poi altri importanti concorrenti che assicurano prestazioni di alto livello per rendere spettacolari e incerte le due gare clou.

Olbia, 16/03/2012 - (Fonte: La Nuova Sardegna, Daniele Doro >>>)

I colori dell'iride ad Alà dei Sardi
Si prepara la 36ª edizione, in gara campioni mondiali e olimpici


Antonello Baltolu va avanti e ripropone per domenica 25 il cross internazionale di Alà dei Sardi, giunto all'edizione numero 36. Si va avanti, nonostante tutto. Non è facile di questi tempi organizzare una manifestazione sportiva condannata, da un albo d'oro che ha pochi eguali anche in campo europeo, a tenere altissimo il livello tecnico e spettacolare.  Antonello Baltolu negli ultimni anni ha spesso pensato di dire basta, anche alla luce della scarsa sensibilità dimostrata da chi dovrebbe dare una mano ad affrontare spese sempre più importanti, per riuscire a presentare ai nastri di partenza del cross i big dell'atletica mondiale. Come è sempre avvenuto in un passato che ha visto passare per Alà dei Sardi i più grandi e celebrati campioni olimpici e mondiali.  «Sì, spesso lo sconforto - ammette il professor Baltolu - mi ha consigliato di lasciare perdere. Però non è facile arrendersi, rinunciare a una manifestazione che non solo io, ma tutta la comunità alaese ha voluto sempre e sempre ha difeso, con convinzione. Così, amici e compaesani mi hanno convinto a continuare».  «Importante - prosegue Baltolu - è stato in particolare l'intervento del sindaco di Alà, Mario Carta, e la considerazione che per questo avvenimento continua ad avere il presidente della Provincia Olbia-Tempio, Fedele Sanciu». Si va avanti, allora, come sempre per fare ancora meglio. «Eccoci pronti per una nuova edizione del nostro cross che,
lo spero - prosegue il papà del Cross internazionale -, non mancherà di soddisfare lo spettacolo e fornirà ancora una volta un resa tecnica di altissimo livello».  Pur lavorando ancora alla definizione della lista dei partecipanti, Antonello Baltolu ha già scelto quali saranno i big in campo. Questa volta, più che sugli specialisti del cross si punta sulla presenza di mezzofondisti veloci, elementi di altissimo livello in grado di dare spettacolo. In campo maschile ci sarà il keniota Asbel Kiprop, campione olimpico a Pechino e campione del mondo a Daegu nei 1500 metri. Un atleta di 23 anni che vanta nei 1500 lo stratosferico 3'30"46 e che nel 2007 è stato campione del mondo juniores di cross. Proveranno a contrastare Kiprop l'altro keniota Paul Taniu, lo scorso anno terzo ad Alà, vice campione del mondo di cross. E poi ancora l'etiope Hunegnaw Mesfin, lo scorso anno ottavo al cross iridato disputato in Spagna, ma anche capace di battere il grande Merga ai Trial dell'Etiopia.  Un tris di stelle è stato scelto anche per la gara femminile. Su tutte Mayam Jamal, mezzofondista di origine etiope ma di passaporto del Bahrein, due volte iridata nei 1500 e in questa gara quinta all'olimpiade di Pechino. Di livello altissimo anche le mezzofondiste del kenia Priscah Jepleting Cherono e Mercy Cherono. La prima vanta un quarto posto sui 10.000 agli ultimi mondiali e un quinto posto al mondiale di cross. La seconda, recente vincitrice del Campaccio, si è classificata quinta sui 5000 metri ai mondiali coreani. Antonello Baltolu però non si ferma e da qui al 16 marzo, quando a Olbia nella sala della provincia la manifestazione verrà presentata ufficialmente, le liste di partenza saranno completate con altri importanti nomi sia nella gara maschile che in quella femminile.

Alà dei Sardi, 14 marzo 2012 (Fonte: La Nuova Sardegna >>>)

 
Copyright © 2006 - 2017  www.aladeisardi.org  All Rights Reserved
Powered by Alberto Contu
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu